Tutto quello che c’è da sapere sugli antiossidanti e il loro effetto sulla pelle

Il segreto di una bella pelle dall’aspetto giovane e sano, senza rughe e discromie, ormai non è più un segreto. Lo sanno tutti e tutti continuano a ripetertelo : dal tuo dermatologo, al dietologo, alla tua mamma, addirittura al barista del caffè all’angolo. Eh si, oggi vogliamo parlarti dei super-famosi antiossidanti.
Che ti servano lo sapevi già, ma lo sapevi anche perché? Quali sono, come si comportano, come cercarli in etichetta?
Se la risposta è no ad almeno una di queste domande, accomodati che ti abbiamo preparato una bellissima guida super veloce su tutto quello che devi sapere sull’argomento.

Perché ci servono?

La risposta più breve è perché gli scienziati dicono che fanno bene. La risposta più lunga è che gli antiossidanti sono gli unici in grado di combattere i radicali liberi – che non sono un’associazione politica, come il nome ci potrebbe indurre a credere, ma piuttosto delle molecole altamente reattive e aggressive che provocano danni non solo alla nostra pelle – dove causano l’invecchiamento prematuro, la comparsa delle macchie e delle rughe – ma al nostro intero organismo, essendo alla base di varie disfunzioni autoimmuni, malattie vascolari e neurovegetative. Praticamente per la tua pelle questi radicali liberi sono come un gruppo di ladri che la derubano della sua idratazione e luminosità, in pieno giorno, senza che tu ti accorga di nulla, mentre magari stai camminando tranquillamente per la strada.

Come nascono i radicali liberi?

I radicali liberi sono prodotti di “scarto” creati con il processo di ossidazione che avviene costantemente nel nostro corpo durante la digestione, dopo l’assunzione di certi farmaci o per cause esterne come l’inquinamento, il fumo di sigaretta, le radiazioni, i raggi UV. Per fare un esempio pratico, pensa all’effetto dei radicali liberi sulla nostra pelle come a quello della ruggine sul ferro. Ora, è importante sapere che una certa quantità di radicali liberi è utile e necessaria per il nostro sistema immunitario che in questo modo impara a difenderci dai batteri, il problema è la produzione in eccesso che il nostro corpo non riesce a smaltire e quindi la deposita nei meandri del corpo provocando danni notevoli. Perché in realtà, il nostro corpo è in grado di produrre naturalmente una certa quantità di antiossidanti, purtroppo con l’avanzare dell’età questa produzione tende a diminuire, mentre la presenza di veleni presenti nell’ambiente – l’aria e l’acqua inquinata, i gas di scarico, le esalazioni dei detersivi e delle sostanze chimiche, i conservanti, i coloranti, gli insetticidi e i pesticidi, le forti irradiazioni solari – continua ad aumentare.

Cosa cercare in etichetta?

Retinol/ Retynil Palmitate
Vitamina A – aiuta a riequilibrare il PH naturale della pelle, aumenta la produzione di collagene, migliora lo spessore cutaneo , diminuisce la profondità delle rughe.

Sodium Ascorbyl Phosphate/ Ascorbyl Palmitate/ Magnesium Ascorbyl Phosphate
Vitamina C – migliora la risposta di guarigione naturale della pelle, diminuisce la pigmentazione delle macchie e illumina l’incarnato. Una volta assorbita rimane attiva nella pelle fino ad esaurimento, ovvero circa 3 giorni.

Tocopherol/ Tocopheryl Acetate
Vitamina E – rinforza il film idroacidolipidico, limita la perdita d’acqua dall’epidermide e preserva l’idratazione cutanea, aumenta l’efficacia delle creme solari.

Ubiquinone
Coenzima Q10 – fa parte dei rari antiossidanti lipofili che compongono una barriera protettiva sulla superficie esterna della pelle (assieme alla vitamina E). Contrasta la formazione di macchie sul viso, e negli strati più profondi, impedisce la degradazione del collagene.

Come regola generale, tieni a mente che la migliore fonte di antiossidanti sono le sostanze vegetali, non solo per il loro contenuto vitaminico, ma soprattutto per la presenze di miscele complesse e uniche di composti chimici, come i flavonoidi e i polifenoli. Quindi nel momento in cui devi scegliere un prodotto cosmetico, meglio optare per quelli formulati con oli ed estratti vegetali e lasciare perdere quelli che iniziano con Paraffinum liquidum o altri derivati del petrolio.

Share your thoughts