Fiori, dal giardino all'ingrediente cosmetico | Ethical Grace.com

Fiori: dal giardino all’ingrediente cosmetico

A chi non piace l’idea di petali di rosa, fiori d’arancio o boccioli di gelsomino nel proprio barattolo di crema? Ma vi siete mai chiesti come finiscono questi fiori dentro le creme, i sieri, le emulsioni?

Oggi vogliamo spiegarvi passo per passo il percorso che porta i fiori dal giardino dentro i vostri contenitori di crema Ethical Grace.

Si inizia con la raccolta che avviene in uno specifico momento del ciclo vitale di ciascuna pianta. Chiamato anche tempo balsamico, si tratta del momento in cui la pianta medicinale presenta la maggior quantità e la miglior qualità di principi attivi. Il tempo balsamico di ogni pianta varia a seconda di vari fattori come la latitudine, l’altitudine, il clima e le tecniche di coltivazione.
Una volta individuato il tempo balsamico, si procede con la raccolta che avviene la mattina presto, subito dopo che la rugiada si è asciugata, prima che il sole diventi troppo forte. Oppure la sera dopo il tramonto. Le piante non devono mai essere raccolte bagnate (da rugiada, pioggia o da annaffiatura) perché l’eccessiva umidità può causare la loro fermentazione e deterioramento.

In seguito, a seconda del principio attivo che ci interessa, noi usiamo i seguenti metodi estrattivi: la distillazione in corrente di vapore o la macerazione in acqua e glicerina.

Lavanda

Tempo balsamico:
L’inizio della sua sfioritura. Il segnale lo danno le api, quando abbandonano il fiore significa che è arrivato il momento della raccolta.
Metodo di lavorazione:
Dopo essere raccolta a mano, la lavanda viene distillata in corrente di vapore acqueo a una temperatura di circa 60°/65°, la giusta temperatura per mantenere intatte tutte le proprietà dell’olio essenziale. Contemporaneamente all’olio essenziale, mediante la condensazione del vapore si ottiene anche l’idrolato di lavanda, o l’acqua di lavanda, ricco di materiale vegetale.

Camomilla

Tempo balsamico:
I fiori della camomilla romana vanno raccolti all’inizio della fioritura, quando i capolini non sono ancora ben schiusi e sono ancora di un bel colore bianco.
Metodo di lavorazione:
Distillazione in corrente di vapore dei capolini freschi. Azzurro al momento della distillazione, col passar del tempo assume una colorazione che vira dal verde al giallo bruno.

Malva

Tempo balsamico:
da giugno a settembre i fiori devono essere appena sbocciati o ancora in bocciolo.
Metodo di lavorazione:
La pianta fresca, sminuzzata, viene lasciata macerare per 14-20 giorni, in un luogo buio e lontano da umidità e fonti di calore, insieme a una miscela di glicerina e acqua. Durante questo tempo la malva lascia nel macerato mucillagini idratanti e antinfiammatorie, lenitive ed emollienti, ideali per la pelle più delicata.

Questi sono solo alcuni fiori che usiamo nelle nostre formule, per scoprire gli altri visita il nostro shop.

Share your thoughts